Legali.com

il sito degli avvocati italiani

Home > Diritto penale > Per la richiesta di arresto ininfluente il visto del Procuratore

Per la richiesta di arresto ininfluente il visto del Procuratore

giovedì 26 febbraio 2009

Corte di cassazione - Sezioni Unite penali - Sentenza 24 febbraio 2009 n. 8388
Processo penale "impermeabile" alle regole di ordinamento giudiziario. E’ questo l’assunto che guida la decisione delle sezioni Unite su una questione di grande attualità. Il massimo collegio ha concluso che "l’assenso scritto del procuratore della Repubblica, previsto dall’articolo 3, comma 2, del Dlgs 20 febbraio 2006 n. 106, non si configura come condizione di ammissibilitàdella richiesta di misure cautelari personali presentata dal magistrato dell’ufficio del pubblico ministero assegnatario del procedimento, né di validitàdella conseguente ordinanza cautelare del giudice". Ai fini di una conclusione del genere, ad avviso della Corte, "non può considerarsi priva di significato la circostanza che il Governo si appresti a realizzare un’opposta soluzione normativa della questione controversa".