Legali.com

il sito degli avvocati italiani

Home > News > Assegni: dal 30 aprile via alle nuove regole

Assegni: dal 30 aprile via alle nuove regole

lunedì 28 aprile 2008, di Francesco Pagano

In arrivo allo sportello la guida ABI per i clienti

La guida, disponibile in banca, è messa a punto dall’ABI con la collaborazione del Ministero dell’Economia e della Banca d’Italia.
Offre assistenza e consigli pratici ai clienti sulle novità per i pagamenti con assegni, libretti al portatore e contanti in vigore da mercoledì
30 aprile.

A disposizione dei clienti oltre 2 milioni di guide nelle banche.
Mancano 10 giorni all’arrivo delle nuove regole antiriciclaggio per l’uso di assegni, libretti al portatore e contanti. Per
la sicurezza dei clienti e quella dei loro pagamenti nasce la guida "Assegni: cambia tutto" . La Guida suggerisce con un
linguaggio chiaro e semplice i piccoli, ma necessari accorgimenti per assicurare maggiore sicurezza al cliente ed
evitare che gli assegni possano circolare senza controllo ed essere incassati da persone diverse da quelle a cui sono
destinati. Realizzata dall’ABI con la collaborazione del Ministero dell’Economia e delle Finanze e della Banca d’Italia,
la guida "Assegni: cambia tutto" è in distribuzione in questi giorni gratuitamente in oltre 2 milioni di copie presso le
banche. Per assicurare ai clienti un’informazione tempestiva e chiara l’opuscolo contiene una serie di consigli pratici e
utili sul cosa fare a partire da mercoledì 30 aprile.

Tanti i cambiamenti: l’importo massimo consentito per i pagamenti in contante, le modalità di compilazione degli
assegni, nuovi limiti per i libretti di risparmio al portatore. Conoscere nel dettaglio cosa cambia e come fare per
adeguarsi è fondamentale per far sì che i pagamenti siano sempre più sicuri e per tutelare i cittadini dal verificarsi di
fenomeni criminosi.

Le 6 regole principali da ricordare:

  1. gli assegni bancari, circolari o postali con un importo pari o superiore a 5.000 euro dovranno riportare la
    clausola "non trasferibile" ;
  2. chi vuole continuare ad utilizzare assegni in forma libera, per importi inferiori a 5 mila euro, può farlo con una
    richiesta scritta alla propria banca e per ciascun assegno rilasciato o emesso in forma libera senza la dicitura "non
    trasferibile" è previsto dalla legge il pagamento di un’imposta di bollo di 1,50 euro che la banca verserà allo
    Stato;
  3. i "˜vecchi’ carnet di assegni, emessi prima dell’entrata in vigore delle nuove misure, potranno essere usati fino al
    loro esaurimento e per importi pari o superiori a 5 mila euro è necessario "˜validarli’ inserendo la clausola di "non
    trasferibilità" ;
  4. sugli assegni in forma libera ogni girata, pena la sua nullità, dovrà riportare il codice fiscale di chi la effettua;
  5. gli assegni intestati a "˜me medesimo’ o "˜m.m’ possono essere girati per l’incasso soltanto presso uno sportello
    bancario o postale, vengono considerati "˜non trasferibili’ e possono essere incassati unicamente dall’emittente
    che non può girarli ad altri;
  6. il saldo dei libretti di deposito al portatore non potrà essere pari o superiore alla somma di 5.000 euro. Per quelli
    in essere è prevista l’estinzione o la riduzione alla soglia stabilità dalla legge entro il 30 giugno 2009.

La Guida si sofferma anche sulle novità riguardanti il trasferimento di contante. E’, infatti, previsto il divieto di
effettuare trasferimento di denaro contante per un importo pari o superiore a 5 mila euro (precedente limite era di
12.500 euro).


Vedi on line : ABI