Legali.com

il sito degli avvocati italiani

Home > Diritto privato > Rinuncia all’eredità nei confronti del fisco

Rinuncia all’ereditànei confronti del fisco

sabato 27 febbraio 2016, di Maurizio Villani

La Corte di Cassazione – Sez. Tributaria –, con l’importante e recente sentenza n. 3611 depositata in cancelleria il 24/02/2016, ha stabilito il principio di diritto da far valere nei casi di rinuncia all’ereditànei confronti del Fisco.
Non può revocarsi in dubbio, infatti, che la questione di difetto di legittimazione passiva dei chiamati all’ereditàper avvenuta rinuncia a tale eredità, in quanto vertente su di uno specifico fatto impeditivo di tale legittimazione, andasse sollevata nel giudizio di rinvio (costituente il giudizio di merito successivo alla pronuncia cessata), mediante produzione dell’atto di rinuncia all’eredità, essendosi l’evento, che aveva radicato detta legittimazione (morte dei contribuente, parte originaria del processo), verificato nelle more del giudizio di Cassazione e, quindi, dopo l’esaurimento del precedente giudizio di appello, svoltosi ancora nei confronti del de cuius.
Ebbene, qualora sia eccepita l’estraneitàdi una delle parti al rapporto giuridico dedotto in giudizio, la contestazione non attiene ad un difetto di legittimazione a contraddire, per la cui sussistenza è necessario e sufficiente che il difetto di titolarità, del rapporto venga semplicemente prospettato, bensì alla titolaritàeffettiva ed in concreto del rapporto controverso dal lato passivo. Con la conseguenza che, a differenza del difetto di "legitimatio ad causam", il difetto di effettiva titolaritàpassiva del rapporto non è rilevabile d’ufficio in ogni stato e grado del processo e, quindi, anche in Cassazione, se la questione era deducibile nel giudizio di merito (cfr. Cass. 6894/1999, 10673/2002).
Ne consegue che costituisce onere degli eredi produrre, nel giudizio di merito nel quale la questione della loro legittimazione venga, in concreto, a porsi, l’eventuale atto di rinuncia all’eredità, a fronte del quale incomberà, poi, sull’Amministrazione finanziaria l’onere di provarne la mancata inserzione nel registro delle successioni, di cui all’art. 52 disp. prel. c.c., ai fini dell’opponibilitàdi tale atto ai terzi (Cass. 2820/2005; 3346/2014).
Non può revocarsi in dubbio, infatti, che sulla parte istante incomba l’onere di provare la legittimazione passiva processuale dei soggetti ai quali la domanda o l’impugnazione sia stata notificata, e, dunque, la loro avvenuta assunzione della qualitàdi erede per accettazione espressa o tacita, non essendo sufficiente la mera chiamata all’eredità, atteso che la “legitimatio ad causam" non si trasmette dal "de cuius" al chiamato per effetto della sola apertura della successione (Cass. 17295/2014).
In particolare, in tema di obbligazioni tributarie, grava sull’Amministrazione finanziaria creditrice del de cuius l’onere di provare l’accettazione dell’ereditàda parte del chiamato, per potere esigere l’adempimento dell’obbligazione del suo dante causa.
Tale onere non può essere assolto con la produzione della sola denuncia di successione, mentre è idoneamente adempiuto con la produzione degli atti dello stato civile, dai quali è dato coerentemente desumere quel rapporto di parentela con il "de cuius" che legittima alla successione ai sensi degli artt. 565 e ss. c.c. (Cass. 13738/2005), o di qualsiasi altro documento dal quale possa, con pari certezza, desumersi la sussistenza di detta qualità.
Infine, si deve tener conto del seguente principio di diritto:
"in tema di obbligazioni tributarie, grava sull’Amministrazione finanziaria creditrice del de cuius l’onere di provare l’accettazione dell’ereditàda parte dei chiamati, per potere esigere l’adempimento dell’obbligazione del loro dante causa; tale onere non può essere assolto con la produzione della sola denuncia di successione, mentre è idoneamente adempiuto con la produzione degli atti dello stato civile, dai quali è dato coerentemente desumere quel rapporto di parentela con il "de cuius" che legittima alla successione ai sensi degli artt. 565 e ss. c.c., o di qualsiasi altro documento dal quale possa, con pari certezza, desumersi la sussistenza di detta qualità†.