Legali.com

il sito degli avvocati italiani

Home > Nuove tecnologie > Software > PEC obbligatoria per ditte individuali

PEC obbligatoria per ditte individuali

martedì 18 giugno 2013, di Francesco Pagano

Entro il 30 Giugno 2013 (e non più il 31/12/2013), come previsto dal d.l. n.179 del 18/10/2012 e dai comma 1 e 2 dell’articolo 5 della legge n.221 del 17/02/2012, tutte le ditte individuali sono tenute a registrare una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) e a comunicarne l’indirizzo all’ufficio del registro delle imprese competente.

La sanzione, per la nuova impresa che presenta la domanda di iscrizione al registro imprese senza il deposito della PEC, è la sospensione della domanda per 3 mesi, in attesa dell’integrazione della domanda con l’indirizzo di posta certificata. In tale circostanza non viene applicata la sanzione amministrativa pecuniaria da 103 euro a 1.032 euro prevista dall’art. 2630 del Codice Civile.

Per il mondo delle imprese costituite in forma societaria, l’obbligo di dotarsi della PEC è stato introdotto da più di tre anni con il D.l. 185/2008. Il D.l. 185/2008 avevo reso l’obbligo immediatamente operativo solo per le società di nuova costituzione. Per quelle già costituite alla data del 29 novembre 2008 (entrata in vigore del D.l. 185/2008), il termine per la comunicazione è stato modificato più volte: inizialmente fissato al 29 novembre 2011, poi le Camere di Commercio sono state invitate a non applicare alcuna sanzione alle imprese ritardatarie almeno fino all’inizio del 2012. Il D.l. 5/2012, che inizialmente ha disposto la proroga del termine al 30.06.2012, poi "sfumata" in sede di conversione in legge, ha definito la sanzione in una sospensione per tre mesi della domanda di iscrizione presentata dalla società inadempiente. Per maggiori dettagli vedi i riferimenti normativi.

A cosa serve una casella PEC?

Alla casella di Posta Elettronica Certificata dell’impresa chiunque, compresa la Pubblica Amministrazione, può trasmettere comunicazioni destinate all’impresa stessa. Tutti i possessori di una casella PEC (imprenditori individuali, società, Pubblica Amministrazione, professionisti) possono quindi scambiarsi tra loro corrispondenza amministrativa, commerciale o informativa, in modalità ufficiale, legale e sicura, in alternativa all’utilizzo di raccomandate A/R postali.