Legali.com

il sito degli avvocati italiani

Home > News > Dal 2013 il contributo soggettivo dovuto alla Cassa salirà al (...)

Dal 2013 il contributo soggettivo dovuto alla Cassa salirà al 14%

venerdì 7 settembre 2012, di Francesco Pagano

E’ quanto stabilito dalla delibera della Cassa Forense approvata ieri dal Comitato dei delegati che ha anche preannunciato che verrà anticipata l’elevazione dell’età pensionabile per centrare l’obiettivo della sostenibilità a cinquant’anni richiesto dall’art.24 del DL 201/2011.
Arriva l’aliquota unica di rendimento per il calcolo delle pensioni, stabilita all’1,40%; sarà «agganciata alle tavole di sopravvivenza specifiche della categoria» e permetterà di valorizzare «tutti i redditi prodotti nell’intero periodo d’iscrizione» dei professionisti.
Sul fronte dei versamenti contributivi sono stati previsti adeguamenti al contributo soggettivo, che passerà al 14% dal 2013, al 14,5% dal 2017 e al 15% dal 2021, in coincidenza con l’entrata a regime dell’età pensionabile a 70 anni (inizialmente prevista per il 2024). Il contributo integrativo resterà invariato al 4% del volume di affari Iva.
La contribuzione modulare, prevista dall’1% al 10% del reddito professionale dichiarato, sarà interamente facoltativa e finanzierà una quota di pensione calcolata con il sistema contributivo.
Nessun intervento è stato previsto sulle pensioni in essere, fermo restando il contributo di solidarietà del 7% a carico dei pensionati che proseguano nell’esercizio professionale.