Legali.com
il sito degli avvocati italiani

Sito per gli avvocati italiani, per tenersi aggiornati, sfruttare le nuove tecnologie, dialogare con i colleghi, sottoporre quesiti giuridici, fare ricerche in ambito legale.
I giuristi che vogliono inviare articoli o notizie, si possono registrare online inserendo i propri dati dal link "Connettersi", posto in fondo alla pagina a sinistra. Clicca qui per vedere il video con le istruzioni per la pubblicazione degli articoli.

Articolo pubblicato online il 10 novembre 2016
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

L’esercizio del diritto di detrazione deve essere tutelato in modo sostanziale ed effettivo e va riconosciuto a fronte di una reale operazione sottostante la cui prova certa può essere acquisita dai dati risultanti dalle fatture o da altro documento equivalente. Le Sezioni Unite della Suprema (...)

Articolo pubblicato online il 15 novembre 2016
Ultima modifica il 14 novembre 2016
Rubrica : Pagine Personali

L’Avvocato Federico Baglini esercita la professione legale in ambito civilista, sia giudiziale sia stragiudiziale.

Riceve nei propri studi in Genova via Frugoni 15/6 e in Chiavari via Piacenza 51.

L’avvocato si rivolge a privati e aziende in materia di:

Diritti reali (proprietà e condominio, (...)

Articolo pubblicato online il 15 novembre 2016
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

A) NATURA DEL PROCESSO TRIBUTARIO

La Corte di Cassazione ha più volte avuto modo di affermare (Cass. n. 3330/2008; id. n. 16049/2005; id n. 12700/2001) il principio per cui nel processo tributario, in ragione della sua natura di processo di impugnazione di atti autoritativi dell’Amministrazione (...)

Articolo pubblicato online il 15 novembre 2016
Ultima modifica il 21 novembre 2016
Rubrica : Convegni e seminari

Venerdì 25 novembre 2016 - ore 15.30 c/o Arthotel & Park – Via G. De Chirico, 1 - LECCE, si terrà il convegno "La rottamazione delle cartelle esattoriali - mediazione tributaria - aggiornamenti rimborsi Irap". PROGRAMMA CONVEGNO

Ore 15.30 – Registrazione partecipanti ed inizio lavori – (...)

Articolo pubblicato online il 21 novembre 2016
Rubrica : Formazione giuridica

Proponiamo un dossier, a cura dell’Avv. Maurizio Villani, che illustra come applicare la novella normativa che introduce la rottamazione delle cartelle esattoriali di Equitalia. Con un taglio operativo si analizzano le casistiche concrete e si delineano le caratteristiche specifiche per ogni (...)

Articolo pubblicato online il 13 dicembre 2016
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

La Corte di Cassazione ha da tempo chiarito che, quando la notificazione non avviene in mani proprie, il destinatario, giusta il disposto dei commi primo e secondo dell’art. 139 cod. proc. civ., va ricercato nel comune di residenza e, precisamente, nella casa di abitazione o dove ha l’ufficio o (...)

Articolo pubblicato online il 14 dicembre 2016
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

Il D.lgs. n. 156/2015 ha riformulato il testo dell’art. 69 del D.lgs. n.546/92 ed ha così introdotto l’immediata esecutività delle sentenze di condanna dell’Amministrazione Finanziaria al pagamento di somme in favore del contribuente e di quelle emesse su ricorso avverso gli atti relativi alle (...)

Articolo pubblicato online il 14 dicembre 2016
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

In dottrina è comune l’osservazione secondo cui le disposizioni contenute nell’art. 53 bis D.P.R. n. 131/1986 siano di difficile interpretazione.

Questo perché la disciplina degli accessi dedicata all’accertamento dell’IVA, contenuta nell’art. 52 D.P.R. n. 633/1972 e successive modifiche ed (...)

Articolo pubblicato online il 15 dicembre 2016
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

Con un’importante sentenza n. 21570 del 26 ottobre 2016, la Corte di Cassazione ha espressamente statuito l’applicabilità del cumulo giuridico anche nelle ipotesi di omesso versamento.

In particolare, la vicenda ha ad oggetto l’impugnazione di una cartella di pagamento da parte di una società (...)

Articolo pubblicato online il 11 gennaio 2017
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

A) NORMATIVA

L’art. 6 del Decreto legge n. 193 del 22/10/2016, convertito con modificazioni dalla Legge n. 225 dell’01/12/2016 (in G.U. n. 282 del 02/12/2016 – S.O. n. 53 ed entrata in vigore il 03/12/2016) prevede la definizione agevolata (c.d. rottamazione) dei carichi affidati agli agenti (...)

Articolo pubblicato online il 11 gennaio 2017
Rubrica : Diritto commerciale e tributario

Sommario: 1. Premessa; 2. Normativa; 3. Il caso; 4. La soluzione dei giudici di legittimità; 5. Conclusioni.

1. PREMESSA.

La Corte di Cassazione, Sez. V, con la recentissima sentenza n. 22413 del 04 novembre 2016, ha espresso un principio generale relativo alla questione dell’utilizzabilità (...)

















Sommario: 1. Premessa; 2. Normativa; 3. Il caso; 4. La soluzione dei giudici di legittimità; 5. Conclusioni.

1. PREMESSA.
La Corte di Cassazione, Sez. V, con la recentissima sentenza n. 22413 del 04 novembre 2016, ha espresso un principio generale relativo alla questione dell’utilizzabilità nel processo tributario delle dichiarazioni sostitutive di terzi.
Il principio di diritto affermato dalla Suprema Corte si pone in contrapposizione all’orientamento giurisprudenziale che ritiene non utilizzabili nell’ambito del contenzioso tributario, le dichiarazioni sostitutive rese da terzi, stante il divieto di prova testimoniale previsto dall’art. 7, comma 4, D.Lgs. 546/1992.
Con la sentenza in commento i giudici di legittimità hanno riconosciuto al contribuente la facoltà di avvalersi di dichiarazioni sostitutive rese da terzi in sede extraprocessuale, purché tali dichiarazioni siano valutate dal giudice come elementi indiziari.

2. NORMATIVA.
Al fine di meglio comprendere il principio di diritto affermato dalla Corte di Cassazione è necessario fare un breve cenno alla normativa di riferimento che vieta l’utilizzo della prova testimoniale nell’ambito del contenzioso tributario.
In particolare, l’art. 7, comma 4, D.Lgs. 546/1992, rubricato “Poteri delle Commissioni Tributarie”, dispone, nell’ambito del processo tributario, il divieto del giuramento e della prova testimoniale.
Tale divieto trova la sua ratio sia nella spiccata specificità dello stesso rispetto a quello civile ed amministrativo, correlata alla configurazione dell’organo decidente e al rapporto sostanziale oggetto del giudizio, sia nella circostanza che esso è ancora, specie sul piano istruttorio, in massima parte scritto e documentale; sia, infine, nella stessa natura della pretesa fatta valere dall’amministrazione finanziaria attraverso un procedimento di accertamento dell’obbligo del contribuente che mal si concilia con la prova testimoniale.

3. IL CASO.
La Corte di Cassazione è stata chiamata a pronunciarsi sul ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale di Firenze n. 3 del 22.01.2009.
L’Ufficio ha eccepito, tra gli altri motivi, la violazione dell’art. 7, coma 4, D.Lgs. 546/1992, in quanto il giudice di secondo grado aveva ammesso la prova costituita della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà conferendo, a tale atto, valenza di prova piena anziché di prova indiziaria.

4. LA SOLUZIONE DEI GIUDICI DI LEGITTIMITA’.
La Suprema Corte, in accoglimento del motivo di ricorso eccepito dall’Ufficio, da un lato ha ribadito il divieto disposto dall’art. 7 D.Lgs. 546/1992, secondo cui, nel processo tributario, non sono ammessi giuramento e prova testimoniale, dall’altro non ha escluso l’utilizzabilità delle dichiarazioni sostitutive nell’ambito del processo tributario.
In particolare, il giudice di legittimità ha precisato che in materia di utilizzabilità delle prove dichiarative nel processo tributario, anche al contribuente deve essere riconosciuta la facoltà di avvalersi di dichiarazioni rese da terzi in sede extraprocessuale.
Tuttavia, tali dichiarazioni non possono costituire prova piena dei fatti affermati, ma hanno valore probatorio limitato, tipico degli elementi indiziari, i quali, seppure possono concorrere a formare il convincimento del giudice, non sono idonei a costituire da soli, il fondamento della decisione.
Nel caso sottoposto all’attenzione dei giudici di legittimità, la sentenza impugnata si è discostata da tale regola di valutazione probatoria, omettendo di indicare quali siano stati gli ulteriori elementi idonei a conferire valenza di prova alle dichiarazioni extraprocessuali utilizzate nel processo.

5. CONCLUSIONI.
Concludendo, con la pronuncia in commento, i giudici di legittimità hanno sancito il principio di utilizzabilità, nel contenzioso fiscale, delle dichiarazioni extraprocessuali rese da terzi, classificandole come prove indiziarie.
Bisogna ricordare che questo orientamento era stato già sancito da precedenti pronunce, tra cui si cita la Corte di Cassazione, sez. 5, sent. n. 11785 del 14/05/2010 e n. 8369 del 05/04/2013 nonché la Corte Costituzionale, sentenza n. 18 del 2000.
In senso contrario, invece, si era espressa, recentemente, la Corte di Cassazione, con sentenza n. 1290 del 26 gennaio 2015, la quale aveva sancito che le autocertificazioni prodotte dal contribuente non hanno alcun valore probatorio, poiché, diversamente si finirebbe per introdurre nel processo tributario – in violazione del divieto di giuramento e prova testimoniale – un mezzo di prova, non solo equipollente a quello vietato, ma anche costituito al di fuori del processo.
Lecce, 10 gennaio 2017
Avv. Leonardo Leo

Identificazione

Attualità

Alcune foto
a caso

Ultimi commenti

Guida in stato d’ebbrezza alcoolica
La competenza per questo reato appartiene al Tribunale in composizione monocratica. Nella (...)

Giustizia : CdM approva ddl Mastella , penalisti proclamano astensione
Una precisazione nel DLL Mastella ci sono molteplici interventi di stampo inquisitorio sul cpp (...)

Giustizia : penalisti ribadiscono critiche a riforme Mastella
Ovviamente non posso che convenire con quanto denunciato dalle Camere Penali, altresì la (...)

evento a venire

Non di evento a venire

Sul web

                                                          
Dal 1 Aprile 2009 l’intero patrimonio legislativo
Software per gli avvocati italiani, gestionale
Portale giuridico, servizi per l’avvocato, (...)
I propri diritti di fronte all’avvocato (...)
Richiesta Visure catastali on line. Visure su (...)

Statistiche del sito

  • Numero totale di visite:
    1686592 visitatori
  • Numero di pagine visitate:
    2188417 pagine
  • Media da 365 giorni :
    280 visite per giorno
  • Giorno più importante
    il 21-07-2016
    con 4350 visitatori
  • Oggi :
    18 visitatori
  • Attualmente online:
    4 visitatori
  • Questo sito contiene : 219 autori 21 rubriche 1944 articoli 3 commenti 37 parole chiavi 58 siti inseriti
  • Ultimo articolo pubblicato :
    il 11 gennaio 2017
    "Dichiarazioni sostitutive rese da terzi in sede extra processuale: utilizzabili solo come prova indiziaria. "


Sito realizzato con SPIP
con il modello ESCAL-V3
Versione: 3.79.33